Amministrative 2023, le Consigliere di Libera: “Accordo con il PD non è stato condiviso. No alla logica del calcolo elettorale”

Da non perdere

Il nuovo Podcast

Sottosopra, il Podcast di Paesituoi.News – Puntata 02

Sottosopra è il Podcast di Paesituoi.News: i fatti, i retroscena, il sopra e il sotto dalla città di Francavilla Fontana: questa è la seconda puntata del 27 gennaio 2023.

Le Consigliere comunali di Libera Francavilla, Sabrina Vecchio e Antonella Palumbo (quest’ultima anche Vicepresidente del Consiglio comunale), attraverso un comunicato stampa dichiarano la loro contrarietà all’accordo tra il Sindaco Denuzzo – con le liste Idea, Articolo 9 e Movimento 5 stelle – e il Partito Democratico in vista delle imminenti Elezioni amministrative del 14 e 15 maggio.

Di seguito il comunicato stampa delle due esponenti di Libera Francavilla.

ll progetto Città Futura è nato con lo scopo di dare alla nostra città una valida alternativa al vecchio modo di fare politica: portare avanti le istanze della gente e le necessità della città nel miglior modo possibile, in netta discontinuità con il passato.

In questi 5 anni abbiamo contribuito con lealtà e serietà a dare sostanza a questa visione, con una costante presenza dentro e fuori dalle aule istituzionali.

Alla base dell’impegno a cui abbiamo tenuto fede c’erano anche condivisione, gruppo e dialogo.
Queste tre parole nel corso del tempo hanno perso sempre più valore per poi essere relegate in una pagina in fondo al vocabolario utilizzato da chi doveva invece presidiare la nostra grande forza.

L’accordo con un partito che fino a ieri ha contestato senza sconti l’operato dell’amministrazione, da cui ci differenziano importanti punti programmatici, si è consumato senza tenere a mente che prima di ogni decisione il gruppo originario avrebbe dovuto avere diritto di parola e trovare una auspicabile unità di intenti.

Condividiamo con forza la decisione presa dalle assessore Maria Passaro, Antonella Iurlaro e Anna Tagliente rimarcando il nostro dissenso nei confronti di una scelta che ha di fatto snaturato un progetto che stava dando impulso ad un nuovo modo di pensare alla politica.

Da parte nostra rigettiamo fermamente la logica del puro calcolo elettorale fine a se stesso e continuiamo a lavorare per una politica spinta dall’entusiasmo della condivisione.


Leggi anche

Ultimi Articoli